Scende lenta la sera su questa baia
spazzata dal vento.
Ogni pensiero e desiderio, come le foglie,
dai rami è ripulito,
filtrato, asciugato.
Ogni parola diviene silenzio.
Ogni sibilo e canto si spegne.
Un ultimo gracchiare di corvo
e sul muretto il veloce saltello del pettirosso.
Poi più nulla.
Nasce da dentro l’anelito d’un caldo luogo,
dove trovar riparo da questa solitudine,
da questa rassegnata tristezza
che la sera conduce.

Leggi tutto >>


Ascolta più sovente
le cose che i tuoi sogni.
Ascolta la voce dell’acqua
e la voce del fuoco che divampa;
ascolta, ascolta nel vento
i singhiozzi del bosco:
sono il respiro dei morti.
I morti non sono partiti:
son nell’ombra che schiarisce
son nell’ombra che si oscura,
son nell’albero che freme
nel bosco che geme,
nell’acqua che cola,
nell’acqua che dorme,
sono in casa,

Leggi tutto >>


Disperditi poesia
in quest’aria di marzo,
dipingiti della trasparenza
di questo cielo,
inebriati del giallo
delle mimose in fiore,
profumati di attesa,
nella freschezza di queste
prime ore …
Nasconditi negli angoli inaspettati
di questa città,
dove un raggio di sole
illumina l’edera che sale
alla stanza di un’anima segreta,
di un segreto giardino;
raccogli le chiacchiere del primo
mattino,

Leggi tutto >>


Vedere oltre 

l’occhio della mente, 
planare 
nell’alba appena nata, 
come un bambino 
sillabare le prime luci 
e uscire dalla notte 
per un sogno nuovo.
 
Vedere oltre 
l’occhio della mente 
oltre l’attesa 
fermi alla stazione 
di parole vuote, 
come mani 
che parlano voltandosi 
se qualche nuovo amore 
tocca ancora il cuore
 
Vedere oltre 
l’occhio della mente 
e paesi nuovi 
appaiono dalla collina 
sfocando il fiore
in primo piano,
 
mentre dall’ombra esce 
un nuovo sole

Leggi tutto >>


Sgorga una riga scritta
di versi senza ragione
che nulla in me medita
ma chi è che me la detta
e ai suoi intenti?
    Vedo dopo averla
    scritta lì nel sonno,
    che ha ragione d’essere,
    che ha cosa dire,
    ch’è giusto ciò che ho scritto.
Tutto arriva da altra parte,
ombre siamo, e andiamo
dietro alla nostra arte
e, estranei, non erriamo.

Leggi tutto >>


Certo per me, amico, è tempo
di appendere la cetra
in contemplazione
e Silenzio:

Il cielo è troppo alto
e vasto
perché risuoni di questi
solitari sospiri.

Tempo è di unire le voci,
di fonderle insieme
e lasciare che la grazia canti
e ci salvi la Bellezza,

Come un tempo cantavano le foreste
tra salmo e salmo
dai maestosi cori
e il brillio delle vetrate
e le absidi in fiamme.

Leggi tutto >>


“Ho detto più di una volta
che il migliore poeta
è l’uomo che ci dà il pane quotidiano:
il fornaio più vicino che non si sente dio.
Lui compie il suo maestoso e umile lavoro
di impastare, mettere al forno, dorare e consegnare
il pane quotidiano con un obbligo comunitario.
E se il poeta arriva a raggiungere questa semplice coscienza,
la semplice coscienza potrà anche trasformarsi
in una parte di un colossale artigianato,

Leggi tutto >>


Valori

Una volta un uomo dissotterrò nel proprio campo una statua di marmo di grande bellezza. E la portò da un collezionista amante di tutte le cose belle e gli propose di acquistarla, e il collezionista la comperò in cambio di una lauta ricompensa. E si separarono.

E mentre l’uomo si dirigeva verso casa con il denaro, pensava, e diceva tra sé: “Quanta vita significa questo denaro! Come può qualcuno offrire tutto questo in cambio di una pietra scolpita sepolta e dimenticata sotto terra da mille anni?”.

Leggi tutto >>


Bruscamente la sera s’è schiarita
perché cade la pioggia minuziosa.
Cade o cadde. La pioggia è qualche cosa
che senza dubbio avviene nel passato.
Chi l’ascolta cadere ha ritrovato
Il tempo in cui la sorte fortunata
Gli svelò un fiore ch’è chiamato rosa
E il bizzarro colore del granato.
Questa pioggia che adesso acceca i vetri
Rallegrerà nei perduti sobborghi
Le nere uve d’una vite in un
Cortile dileguato.

Leggi tutto >>


Del lavoro

Allora un contadino disse: – Parlaci del lavoro –
Ed egli rispose dicendo:
Voi lavorate per tenere il passo con la terra e con l’anima della terra.
Poiché oziare è diventare stranieri nelle stagioni e uscire dal corso della vita, che marcia solenne e con orgogliosa sottomissione verso l’infinito.

Quando lavorate siete un flauto che nel suo cuore trasforma in musica il ticchettio delle ore.
Fra voi chi mai vorrebbe essere una canna,

Leggi tutto >>


Qui giace come virgola antiquata
l’autrice di qualche poesia. La terra l’ha degnata
dell’eterno riposo, sebbene la defunta
dai gruppi letterari stesse ben distante.

E anche sulla tomba di meglio non c’è niente
di queste poche rime, d’un gufo e la bardana.

Estrai dalla borsa il tuo personal, passante,
e sulla sorte di Szymborka medita un istante.

Leggi tutto >>


Limpide e non profonde
sono le rapide del torrente;
le verdi canne
quasi le puoi toccare.
Quelli delle capanne
ed est ed ovest dell’acqua,
lavano la seta
sotto il chiaro di luna.

In punta di piedi sugli scogli
torno vicino all’acqua;
al moto delle onde
un sentimento provo sconfinato.
Quando il sole tramonta,
sul fiume sosta il freddo,
e le vaganti nuvole
impallidiscono evanescenti

Leggi tutto >>


Il mercante di pillole

“Era un mercante di pillole che
calmavano la sete. Se ne inghiottiva
una alla settimana e non si sentiva
più il bisogno di bere.

РPerch̩ vendi questa roba?
Disse il piccolo principe.

– E’ una grossa economia di tempo,
– disse il mercante – Gli esperti hanno
fatto dei calcoli. Si risparmiano
53 minuti a settimana.

– E cosa se ne fa di questi 53 minuti?

Leggi tutto >>


Vorrei fermare il tempo
fra bianchi cristalli di ghiaccio
e cime innevate,
ascoltare
il respiro del vento
che avvolge le rocce
e raccogliere
i mille colori del sole
nel muschio
dei prati …
vorrei fermare lo sguardo
il sorriso
e il colore dell’estate,
e posare le labbra assetate
fra limpide acque
che scorrono
a valle …

Mosè

Leggi tutto >>


La sorgente

Gelida, cristallina
dalla rupe zampilla
l’onda; giù per la china
fugge guizzando, brilla
del sole al lume, e franta
ride fra i sassi, in mezzo all’erba e canta
Io son la dolce e pura
acqua che vien dal cielo,
onda che in nube e gelo,
si muta e trasfigura;
la lucida e gioconda
acqua son io che terge e che feconda.Venite a quest’aprica
piaggia quanti voi siete
cui vince la fatica,

Leggi tutto >>


Della Morte

Entrate, amici miei, accomodatevi
siate i benvenuti
mi date molta gioia.
Lo so, siete entrati per la finestra della
mia cella
mentre dormivo.
Non avete rovesciato la brocca
né la scatola rossa delle medicine.
I visi nella luce delle stelle
state mano in mano al mio capezzale.

Com.è strano,
vi credevo morti
e siccome non credo né in Dio, né all'aldilà
mi rammaricavo di non aver potuto
offrirvi ancora un pizzico di tabacco
….

Leggi tutto >>


Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire.
Chi è contento che sulla terra esista la musica. Chi scopre con piacere una etimologia.
Due impiegati che in un caffè del Sur giocano in silenzio agli scacchi.
Il ceramista che premedita un colore e una forma.
Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace. Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.

Leggi tutto >>


Oh, bello innaffiare il giardino, per far coraggio al verde!
Dar acqua agli alberi assetati! Dar più che basti
e non dimenticare i cespugli delle siepi, perfino
quelli che non dan frutto, quelli esausti
e avari. E non perdermi di vista,
in mezzo ai fiori, le male erbe, che hanno
sete anche loro. Non bagnare solo
il prato fresco o solo quello ardio:
anche la terra nuda tu rinfrescala

B.

Leggi tutto >>