io-sono-ecologico-marzo2015 r

Frutta e verdure? Sì, ma solo di stagione

Lo so. Le verdure e la frutta ti piacciono molto. Soprattutto crudi. Mele, pere, ciliegie, fragole, carote, insalata, rapanelli, finocchi, meloni, pesche, uva. E molto altro ancora.

In effetti, la frutta e la verdura sono cibi importanti per mantenere il nostro corpo in salute. Chi consuma ogni giorno questi straordinari alimenti (a colazione, a merenda, a pranzo e a cena) diventa più forte, resiste più facilmente alle infezioni (raffreddori e influenze, ad esempio), sorride più spesso, ha risultati migliori a scuola.

Tuttavia, molti ragazzi e anche diversi adulti pretendono di avere nel piatto sempre gli stessi prodotti (ad esempio: pomodori, peperoni o, magari, fragole), indifferenti al fatto di trovarsi in primavera, in estate oppure in inverno. Insomma, per molti, almeno a tavola, è come se le stagioni non esistessero. Dimenticando che ogni tipo di frutta e di verdura matura naturalmente in una stagione precisa.

Mangiare abitualmente vegetali di stagione produce importanti vantaggi, per noi e per l’ambiente. La frutta e le verdure tipiche della stagione sono più saporite, hanno generalmente un prezzo più basso e contengono una quantità maggiore di sostanze nutritive (vitamine, minerali, carboidrati). Inoltre (e non è un aspetto trascurabile), possono essere coltivate senza utilizzare grandi quantità di sostanze chimiche (spesso tossiche per l’ambiente e per il consumatore).

Infine, consumare frutta e verdure nella loro stagione tipica è una scelta saggia anche per contrastare lo spreco di energia e l’alterazione dei delicati equilibri del nostro pianeta. Pensa solo che per produrre le fragole in dicembre (invece che in maggio e giugno, mesi nei quali questi frutti maturano naturalmente sfruttando l’ecologica energia solare) occorre coltivarle in grandi serre riscaldate con il metano o il gasolio. Oppure importarle dai Paesi più caldi del nostro. I quali, però, si trovano molto lontano. Poiché i vegetali freschi non sopportano lunghi viaggi, occorre utilizzare l’aereo, consumando parecchio carburante e producendo inutilmente molti gas serra che aumentano il riscaldamento globale.

In azione

  • Scrivi su un foglio quali frutti e quali ortaggi maturano in ogni mese dell’anno e appendilo in cucina. Potrai consultarlo facilmente prima di fare acquisti.
  • Accompagnando i genitori a fare la spesa, potrai osservare che sui cartellini del prezzo è segnato anche il luogo di origine di frutta e verdura. Scegli possibilmente i prodotti che sono stati coltivati e raccolti nella tua regione.
  • Consuma di preferenza frutta e verdura di stagione.
  • Non pretendere di mangiare sempre le stesse cose. Cerca piuttosto di ampliare la scelta degli alimenti che metti nel tuo piatto: una dieta variata è più piacevole e più salutare di una monotona.

In che mese maturano i pomodori?

Chi coltiva l’orto (una attività molto rilassante e utile) sa benissimo quale è la stagione dei pomodori o quella delle verze. Ma per chi pensa che le carote siano appese agli alberi o che le albicocche siano fabbricate nei supermercati, può essere molto utile una visitina al sito www.softwaredidattico.it/EducazioneAlimentare/ap000000h.htm. Ci potrai facilmente trovare, suddivise per regione, la frutta e la verdura che maturano in ogni mese dell’anno. Una guida utilissima per fare la spesa “secondo natura” (e per non pretendere l’impossibile).

Biolcalenda di aprile 2015

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code