L’Aria 01

Coscienza dell’Aria

Se c’è un mese in cui sentiamo più viva e reale la presenza dell’aria, forse questo è proprio Aprile.
E’ una presenza che possiamo sentire nel profumo dei fiori e delle gemme, che in questo periodo cominciano ad aprirsi, o nella dolcezza del clima, che alterna folate di aria tiepida a folate di aria fresca, o nel canto degli uccelli, che riempiono l’aria con il concerto dei loro gorgheggi.
Possiamo percepire l’aria nella maggiore luminosità che accompagna l’arrivo della Primavera o ancora la possiamo percepire nel brulichio degli insetti che volteggiano intorno alle piante o nel fruscio delle foglie attraversate dai suoi flussi continuamente in movimento.

Insetti e uccelli si muovono nell’aria come i pesci si muovono nell’acqua.

Solo che l’acqua è direttamente visibile, mentre l’aria no, e noi possiamo aver coscienza della presenza dell’aria attraverso i movimenti degli esseri che in essa sono immersi o attraverso gli odori che essa trasporta o tramite la luce di cui l’aria permette la manifestazione visibile attraverso i colori e le forme del mondo percepito. 

L’aria in sè, quindi, non è percepibile e si colloca a metà via fra gli imponderabili e i ponderabili, fra l’elemento fuoco, espressione pura dello spirito (calore e luce non sono ponderabili) e l’elemento acqua, prima espressione visibile della materia.
Nel ciclo evolutivo, secondo la teoria dei quattro elementi, essa segue direttamente al fuoco e da esso ne consegue per successiva condensazione.
Parlando di elementi, per aria s’intende tutto ciò che è allo stato gassoso. Caratteristica dell’aria è l’elasticità: l’aria si può comprimere e si può espandere variando così la sua densità. Ciò è legato alla temperatura: l’aria reagisce immediatamente ad ogni modificazione nei rapporti di calore con un’espansione o una contrazione. A contatto con superfici a temperature variabili essa percepisce ogni più piccola variazione e la trasmette allo spazio aereo circostante in un alternarsi ritmico di addensamento e di rarefazione. L’aria calda è più rarefatta e tende a salire, l’aria fredda è più densa e tende a discendere. Ciò determina un continuo movimento, un pulsare ritmico che coinvolge le superfici più piccole come le superfici più estese. Si creano dei respiri che seguono l’andamento caldo-freddo, giorno-notte, estate-inverno, mare-terraferma, città-campagna, area boschiva e area coltivata e infinite altre situazioni. I movimenti che ne nascono non sono movimenti lineari di salita e discesa ma si articolano in un infinita varietà di evoluzioni. Ce ne possiamo render conto osservando l’innalzarsi di una colonna di fumo o dal vapore di una tazza di tè o dal fumo di una sigaretta. Sono movimenti a vortice e a spirale e sono gli stessi movimenti che caratterizzano anche l’elemento acqua.
L’aria fisica che respiriamo è costituita da una miscela di ossigeno (20% circa), azoto (70% circa), gas rari, anidride carbonica e vapore acqueo e costituisce il nostro primo alimento. Senza cibo solido noi possiamo vivere per parecchi giorni, senza liquidi per pochi giorni, senza aria possiamo resistere solo per pochi minuti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code