L’Aria 11

Conclusioni

Tutto ciò che esiste in natura si può ricondurre a quattro elementi: Fuoco, Aria, Acqua, Terra.
Gli elementi sono gli ambienti in cui possono esprimersi e agire determinate forze, fra loro opposte, che si chiamano eteri e forze fisiche.
Gli eteri sono forze di espansione, agiscono dalla periferia del cosmo e il loro compito è di suscitare i processi di vita.
Le forze fisiche sono forze di contrazione, agiscono dal centro della Terra e il loro compito è distruggere,

Leggi tutto >>


L’Aria 10

L’Aria e i colori

Riassumendo quanto detto nel capitolo precedente possiamo dire che nell’elemento Aria si manifestano l’”etere di luce” e la “forza fisica tenebra addensante”.
L’etere di luce √® il portatore della luce che si rende manifesta in presenza di una sorgente luminosa. La luce si posa sugli oggetti del mondo fisico e li rende visibili. La luce, al suo apparire, crea lo spazio. La fiamma della candela o altra fonte luminosa delimita uno spazio entro il quale vengono percepiti gli oggetti.

Leggi tutto >>


L’Aria 09

Etere e forza fisica dell’elemento aria

Secondo Aristotele tutto ciò che esiste in natura si può ricondurre a quattro elementi: Fuoco, Aria, Acqua, Terra. Di questi il Fuoco è il padre e gli altri ne derivano per successive condensazioni.
Gli elementi sono gli ambiti in cui si possono manifestare certe forze che sono fra loro contrapposte e che si definiscono come Eteri e Forze fisiche.

Leggi tutto >>


L’Aria 08

L’Aria e il linguaggio umano

L’aria con la sua capacit√† di espansione e compressione √® il mezzo pi√Ļ idoneo per trasmettere la vibrazioni sonore e in particolare le vibrazioni del linguaggio umano. Nell’atto del parlare l’aria che attraversa le corde vocali e gli altri organi della fonazione, gola, palato, lingua, labbra, naso, viene messa in vibrazione e si creano al suo interno delle forme e dei suoni. Le forme sono forme d’aria e sono rilevabili con i noti esperimenti dei getti d’aria o delle fiamme sensibili.

Leggi tutto >>


L’Aria 07

L’Aria √® sensibile

L’aria in movimento diventa sensibile: tanto pi√Ļ questo movimento √® veloce tanto pi√Ļ l’aria diventa sensibile. La vibrazione provocata da un suono ha la capacit√† di creare in questo corpo d’aria sensibile delle forme ben determinate. Queste forme si possono rendere visibili sperimentalmente usando dei getti d’aria che fuoriescono da una fessura o usando dei getti di gas infiammabile. La presenza di suoni modifica visibilmente la forma di questi getti d’aria sicch√® ne compaiono delle forme che hanno una grande somiglianza con le forme degli esseri che vivono nell’aria,

Leggi tutto >>


L’Aria 06

L’Anima di gruppo

Attraverso l’aria si pu√≤ esprimere l’anima di gruppo delle creature che in essa vivono.
Abbiamo visto come uno stormo di uccelli si muova nell’aria come un corpo unico e come i singoli componenti del gruppo compiano dei movimenti che sono perfettamente armonizzati con quelli del gruppo nel suo complesso. Questo si pu√≤ osservare nelle migrazioni degli uccelli e ancor pi√Ļ nelle evoluzioni che uno stormo di uccelli compie in uno spazio ben delimitato.

Leggi tutto >>


L’Aria 05

L’Aria e gli uccelli

Gli uccelli sono creature dell’aria: la loro conformazione fisica √® funzionale all’elemento in cui vivono e come i pesci nuotano nell’acqua cos√¨ gli uccelli “nuotano” nell’aria. I loro organi sono strutturati in modo tale che l’aria diventa il supporto fisico per i loro movimenti. Le loro ossa ad esempio non contengono il midollo come nelle ossa degli altri animali e dell’uomo ma sono cave e contengono aria. I loro polmoni presentano,

Leggi tutto >>


L’Aria 04

L’Aria e l’azoto

Parlando dei componenti fisici dell’aria l’azoto √® quello che vi compare nella percentuale pi√Ļ alta: circa l’80% dell’aria che respiriamo √® azoto.
Avevamo visto che gli altri due componenti maggiori dell’aria erano l’ossigeno e l’idrogeno e ambedue avevano un compito ben preciso, il primo era il portatore della “vita” e il secondo era il portatore dell’”essenza”. In questa ottica l’azoto √® il portatore del “movimento”.
Nella respirazione umana esso entra nei polmoni con gli altri componenti dell’aria,

Leggi tutto >>


L’Aria 03

L’Aria e l’ossigeno

Prendendo in considerazione i principali componenti fisici dell’aria avevamo visto che idrogeno e ossigeno avevano dei ruoli contrapposti.
Se l’idrogeno era il portatore del fuoco e la sua funzione era quella di smaterializzare, si pu√≤ dire che l’ossigeno √® il portatore della vita e la sua funzione √® quella di materializzare.

Leggi tutto >>


L’Aria 02

L’Aria e l’idrogeno

Per definizione l’aria non √® una combinazione chimica ma un miscuglio. Infatti i suoi componenti conservano le singole propriet√† e sono mescolati in proporzioni che non si accordano con le leggi delle combinazioni chimiche.
Di questi componenti particolare importanza per la vita umana rivestono l’ossigeno, l’azoto e l’idrogeno che √® presente in una percentuale molto bassa, appena lo 0,02%.

Leggi tutto >>


L’Aria 01

Coscienza dell’Aria

Se c’√® un mese in cui sentiamo pi√Ļ viva e reale la presenza dell’aria, forse questo √® proprio Aprile.
E’ una presenza che possiamo sentire nel profumo dei fiori e delle gemme, che in questo periodo cominciano ad aprirsi, o nella dolcezza del clima, che alterna folate di aria tiepida a folate di aria fresca, o nel canto degli uccelli, che riempiono l’aria con il concerto dei loro gorgheggi.
Possiamo percepire l’aria nella maggiore luminosit√† che accompagna l’arrivo della Primavera o ancora la possiamo percepire nel brulichio degli insetti che volteggiano intorno alle piante o nel fruscio delle foglie attraversate dai suoi flussi continuamente in movimento.

Leggi tutto >>