Non fatemi perdere tempo!

Sprechiamo moltissimo tempo in attività futili e non abbiamo più tempo ed energia per quelle importanti. Nel 2029 una intelligenza artificiale sarà in grado di uguagliare l’intelligenza umana e di sorpassarla, saremo sempre più tecnologici e sempre meno umani?

Avete una vaga idea di quanto tempo passiamo attaccati al cellulare o al computer? Mandare messaggi, telefonare, leggere testi, navigare in internet, o semplicemente cancellare quello che non ci interessa. Quanto tempo perdiamo a cancellare le stupidaggini che riceviamo per posta elettronica? Passiamo ore a dialogare con uno strumento tecnologico che sembrava fosse stato inventato per semplificarci la vita, ma è davvero così?

Osservando il comportamento delle persone attorno a me ho l’impressione che sempre più stiamo delegando alcune delle nostre facoltà mentali e fisiche a un oggetto senza vita, e questo non mi sembra una bella cosa. Non siamo più capaci di fare i conti a mente, non sappiamo più scrivere a penna e, quel che è peggio, crediamo ciecamente a tutto quello che troviamo in rete. Manca il senso critico, la capacità di fare valutazioni autonomamente.
Qualcuno se n’è accorto e sta sfruttando la situazione, divulgando notizie false, o semplicemente mascherando la verità, dando a intendere cose non vere. Il dramma è che molti si bevono qualsiasi fesseria. Non si giudica più autonomamente se una cosa può essere vera o no, macchè, “l’ho letto in internet…” è la frase ricorrente. Siamo sempre meno intelligenti perchè deleghiamo la nostra intelligenza e a forza di non usare il cervello diventiamo sempre più stupidi.

Il sospetto è che tutto questo non sia affatto casuale. A volte basta unire i puntini per vedere il disegno completo. Un tempo si leggevano libri, e leggere ci insegnava a scrivere; oggi si passa un sacco di tempo a digitare frasi abbreviate, con la K invece del CH, e intanto si perde la capacità di scrivere correttamente.

Oggi si parla tanto di ADHD, sindrome da deficit di attenzione, e di iperattività. Un tempo i ragazzi giocavano a pallone nei prati, oggi una vasta scelta di videogiochi li rende grassi e ottusi. Un bel progresso, non c’è che dire…

Sprechiamo moltissimo tempo in attività futili e poi non abbiamo più tempo o energia per quelle importanti. E che dire di Facebook? Oggi i rapporti con gli amici si mantengono a distanza, e ciascuno ha in più la grande soddisfazione di poter scrivere un sacco di fesserie che lo fanno sentire importante e lo illudono che questo basti a dare un senso a un’esistenza inutile. Ho l’impressione che siano state inventate tante piccole giostre su cui giriamo in tondo, trascorriamo molto del nostro tempo, vagando e divagando, ma senza ragionare, senza concludere niente di concreto e utile.

Nel frattempo stanno mettendo a punto l’intelligenza artificiale. Tra poco un computer sarà più intelligente degli esseri umani. Non sto esagerando, ci dicono che nel 2029 una intelligenza artificiale sarà in grado di uguagliare l’intelligenza umana e di sorpassarla. Saremo sempre più tecnologici e sempre meno umani?
In realtà ho il sospetto che già ora il nostro corpo sia sempre più in balia delle decisioni prese da qualcun altro: guardate cosa sta succedendo con i vaccini… e ancora non sapete nulla delle nanotecnologie!

Qualcosa sta già accadendo. Oliver Corey, economista della London School of Economics, predisse che presto la razza umana si dividerà in due gruppi: una élite dominante intelligente e attraente e una sottoclasse di individui brutti e idioti. Guardatevi intorno, avete notato che fine stanno facendo il senso estetico e il buongusto? Sono diventati di moda indumenti stracciati, con tagli, scoloriture, zone consumate.
Un tempo solo i clochard li portavano. Oggi vengono proposti dai marchi più noti, nei negozi alla moda ed ecco le giovani generazioni allegramente vestite come i barboni di un tempo.
Il concetto di “bello” è radicalmente cambiato oppure ci stanno lentamente abituando all’idea?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code