Gli articoli di questo mese ...

 

Buon Anno!

E’ l’augurio che ci facciamo ogni anno e, in cuor nostro, speriamo che l’anno nuovo sia migliore di quello vecchio, che le cose cambino in meglio, che certe emergenze, a livello mondiale, trovino una soluzione… e ne abbiamo tante: l’inquinamento, le povertà, la fame, le malattie, le ingiustizie, le guerre.

Leggi tutto >>


È di questi giorni l’annuncio che Robert F. Kennedy Jr., quale rappresentante dell’associazione ICAN, ha ufficialmente vinto la causa contro l’HHS (Health and Human Services; Dipartimento della Salute e Servizi Umani) per la violazione del mandato per la sicurezza dei vaccini pediatrici del NCVIA (National Childhood Vaccine Injury Act) del 1986.

Leggi tutto >>


L’uso del letame sancisce un legame ecologico tra animali, piante e uomo per il quale l’agricoltura diviene sostenibile.

Tra i vari tipi di letame utilizzabili come base fertilizzante quello bovino è senza dubbio il più idoneo (sempre e comunque ben compostato). L’uso del letame sancisce un legame ecologico tra animali, piante e uomo per il quale l’agricoltura diviene sostenibile. Tramite questo legame vi è il massimo grado di riciclo senza che vi siano prodotti “di scarto”

Leggi tutto >>


La Medicina non è una scienza, mancandole caratteristiche essenziali come la ripetibilità e la pronosticabilità dei risultati. Come si fa a stabilire se un’affermazione è vera o è falsa? I modi sono diversi e tra tutti quelli ce n’è uno che non sarà magari proprio dignitoso ma è comodo: si delega il giudizio a qualcuno di cui ci si fida.

Leggi tutto >>


Come abbiamo già detto, molto spesso, la celiachia o l’intolleranza al glutine, può accompagnarsi alla intolleranza, più o meno grave, al lattosio (lo zucchero del latte), che è contenuto nel latte di tutti i tipi (bovino, caprino, ovino, di bufala, ecc.) e di conseguenza in tutti i latticini: burro, yogurt, panna, crema di latte, formaggi, ricotta.

Leggi tutto >>


Cavolo nero

Il cavolo nero (Brassica oleracea L.) appartiene alla famiglia delle crocifere, così chiamate perché la forma dei loro fiori ricorda quella del portatore di croce (lat. Crucifer). Delle quasi duemila specie di crocifere catalogate dagli specialisti, i cavoli sono i vegetali che offrono le verdure di maggior pregio per l’alimentazione. Il genere Brassica comprende una sessantina di specie che sono originarie dell’area mediterranea e sono quasi tutte usate da millenni nell’alimentazione umana, con le sole eccezioni del cavolfiore e del cavolo di Bruxelles introdotti in tempi recenti.

Leggi tutto >>


 

Archivio Biolcalenda