Verona veneziana dal rinascimento al ‘900

Domenica 10 ottobre
visita guidata di Maurizio Signorini

Il viaggio vuole cogliere l’impronta veneziana della cittĂ  scaligera.

Il dominio della Serenissima dura quattro secoli durante i quali arte e architettura affermano un nuovo stile: nella pittura il Pisanello, massimo esponente del “gotico cortese”, il Mantegna con il trittico di San Zeno; nell’architettura la Loggia del Consiglio,attribuita all’architetto veronese Fra Giocondo, primo esempio di architettura rinascimentale del Veneto.
Michele Sanmicheli, architetto militare a servizio della Serenissima e la formidabile cinta muraria decorata da splendide porte monumentali (Porta Nuova, Porta Palio, Porta San Zeno). Oltre a questo palazzi (Palazzo Canossa)e chiese (San Giorgio).
Ma la “venezianità” di questa cittĂ  non sta solo nelle opere realizzate dalla Repubblica veneziana; la si può cogliere in un altro gioiello veronese, il museo medievale di Castelvecchio dove, nel 1958 comincia un grande e prestigioso lavoro di restauro l’architetto veneziano Carlo Scarpa. Egli viene chiamato dal nuovo direttore dei musei veronesi Licisco Magagnato che riconosce in lui non solo le esperienze giĂ  vissute nelle ristrutturazioni museali (Gipsoteca Canoviana a Possagno,Palazzo Abatellis a Palermo, Gallerie dell’Accademia e Museo Correr a Venezia, etc…), ma anche l’uomo di grande cultura e raffinatezza in grado di dare una qualitĂ  autentica e profonda al castello.

Programma
– ore 9.30 Ritrovo dei partecipanti al museo di Castelvecchio: registrazione partecipanti e versamento quote.
– ore 10.00 inizio visita.
Breve storia di Verona – 1405 avvento della Repubblica Serenissima.
Castelvecchio: VISITA, la storia, il progetto di Carlo Scarpa 1957-1964 e 1967-1975
la pinacoteca (l’evoluzione della pittura in epoca veneziana da Pisanello a Veronese), lo spazio di Cangrande, la galleria delle sculture (salvo limitazioni del momento per causa Covid, in tal caso verrĂ  effettuata una visita alternativa).
Passeggiata nel Parco delle Mura e dei Forti, la cinta muraria con opere di fortificazione dal 1300 al 1850 (epoca scaligera, veneziana, asburgica). Breve sosta alla porta monumentale di San Zeno del Sanmicheli.
– ore 13.30 Pranzo in un ristorante presso la chiesa di San Zeno (vedi sotto) o al sacco nel parco delle Mura.
– ore 15.00 Chiesa di San Zeno e il Trittico del Mantegna: VISITA
– ore16.30 Piazza dei Signori:Loggia del Consiglio, primo esempio di architettura rinascimentale.
Piazza delle Erbe e Palazzo Maffei in stile barocco, Case Mazzanti affrescate con il gusto manierista del ‘500, il Ghetto.
– ore 17.30 circa fine del viaggio.

Guida Maurizio Signorini, architetto esperto di progettazione bioedile e di ecodesign.
Quote di partecipazione: € 25,00 per i soci Biolca. I non soci Biolca devono versare la quota associativa di € 22,00 che dà diritto tra l’altro a ricevere il mensile Biolcalenda per un anno.
*I minori fino a 14 anni non pagano.
Ingresso a Castelvecchio: € 6,00 (bambini fino a 7 anni omaggio, fino a 14 anni ridotto).
Ingresso alla Chiesa di San Zeno: € 2,00

N.B. Le adesioni devono pervenire entro e non oltre Domenica 3 ottobre

Nota: possibilitĂ  di pranzare al “Localino di Verona” in P.zza San Zeno € 15,00 (un secondo di pesce: polipo o baccalĂ  o caciucco, verdure, un calice di vino – ½ acqua minerale).
Per informazioni e/o iscrizioni: 049 9101155 (Biolca) o 345 2758337 (Martina) o info@labiolca.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *