adobe1

Adobe

L'adobe è una tecnica che prevede la realizzazione di mattoni di terra cruda formati a mano con o senza stampo, senza compressione e lasciati seccare naturalmente, senza cottura.

Uno dei grandi vantaggi dell'adobe è la flessibilità nelle modalità di produzione e la facilità di messa in opera.
Il mattone di adobe, utilizzato da millenni, è certamente uno dei primi materiali elaborati dall'uomo. Il termine adobe proviene dall'egiziano thobe (mattone) tradotto in arabo ottob, diventato adobe in spagnolo e a volte chiamato toub in francese.
Mattoni massicci in terra cruda, l'adobe, sono tipici delle regioni calde dove vengono utilizzati per murature portanti; sono tuttavia diffusi anche nei paesi nordici ed europei. In Italia sono ampiamente utilizzati nel Sud della Sardegna (con il nome di ladiri), in Abruzzo nella provincia di Pescara, e in Piemonte nella zona di Tortona.
Nel Centro e nel Nord Europa i mattoni crudi spesso sostituiscono il torchis nel riempimento degli edifici a struttura portante in legno.

Prestazioni tecniche dei mattoni in adobe

Inerzia termica
I manufatti realizzati con questa tecnica sono caratterizzati da elevata inerzia termica per via dell'elevato peso specifico e dell'utilizzo di terra non alleggerita. Questa tecnica si rivela quindi particolarmente adatta per la realizzazione di murature portanti esterne nelle zone climatiche ad alta escursione termica. Inoltre l'inerzia del materiale fa sì che il calore assorbito dalla parete si distribuisca all'interno con un notevole sfasamento orario a temperature costanti questo effetto non si nota, ma a climi con elevate escursioni termiche giorno/notte il calore accumulato di giorno viene disperso di notte, e alla mattina la parete è di nuovo fresca, permettendo di mantenere all'interno una temperatura costante, specialmente in estate.

Accumulo di calore
La presenza di grandi masse di terra non alleggerita consente l'accumulo di calore nelle murature interne ed esterne. Il miglior rendimento di questa proprietà di ottiene con manufatti in blocchi stabilizzati posti a Sud o all'interno di serre.

Isolamento acustico
I blocchi formati, essendo dotati di elevata massa, consentono un buon isolamento dai rumori.

Isolamento termico
Questa tecnica non consente di ottenere apprezzabili livelli di isolamento termico. Poiché anche nel caso di un aumento dello spessore della muratura il livello di isolamento termico non raggiunge valori soddisfacenti, in alcuni climi si renderà necessaria l'applicazione di pannelli isolanti alla muratura o l'integrazione con tecniche di terra alleggerita.

Facilità operativa
La maggiore specializzazione è richiesta nella realizzazione dell'impasto, mentre la fase di formatura ed essiccamento richiedono grande attenzione, ma non particolari conoscenze.
Questa tecnica non richiede particolari investimenti iniziali, quindi si rivela particolarmente adatta a esperienze di autocostruzione, purché sia garantita la presenza di un esperto per le verifica della qualità degli impasti e dei blocchi. Inoltre i blocchi sono facilmente modifìcabili con l'utilizzo di una sega, potendo con facilità ottenere pezzi speciali.

Manutenibilità
Nel caso di erosione delle superfici (uno dei danni più frequenti) è relativamente agevole intervenire per risanare tramite inserti realizzati in opera con lo stesso impasto del blocco.

Affidabilità
Se ben eseguita e in assenza di eventi esogeni (per esempio infiltrazioni dal tetto, risalita capillare dal basamento o cedimenti differenziali delle fondazioni), la muratura in blocchi presenta nel tempo una bassa probabilità di guasto.

Durabilità
Gli edifici realizzati in blocchi formati, se ben protetti, possono avere durate molto lunghe. In Sardegna, interi paesi risalenti al secolo scorso sono ancora in ottime condizioni dì conservazione.

Comportamento al fuoco
I blocchi compressi sono praticamente incombustibili. Le norme DIN (18 952) tedesche considerano i manufatti in terra di peso specifico superiore ai 1700 Kg/mc come incombustibili.

Salubrità
Se la terra utilizzata per la realizzazione dei blocchi proviene da una zona controllata, non è radioattiva e non contiene rifiuti tossici, le ricerche effettuate non hanno rilevato emissioni dannose per la salute degli abitanti. Particolare attenzione deve invece essere riservata alla scelta degli eventuali stabilizzanti.

Benessere
L'inerzia termica garantisce una temperatura interna costante, soprattutto in caso di pareti a più teste.

Riutilizzabilità e riciclabilità
I blocchi formati, se assemblati con malta in terra cruda, possono essere facilmente disassemblati, puliti e riutilizzati. La polvere di malta stessa può essere umidificata e riutilizzata sul posto. Nel caso di dismissione della parete i blocchi in breve tempo si sciolgono tornando terra coltivabile. Qualora la parete non sia omogenea (finita cioè con intonaci plastici o cementizi e provvista di isolamenti termici) prima della dismissione sarà necessario separare i diversi componenti.

Impatto ambientale
Il grande quantitativo di terra necessario per le realizzazioni ottenute con questa tecnica può comportare problemi qualora gli scavi del materiale siano fatti in modo sconsiderato. D'altra parte però questa tecnica, poiché permette di realizzare murature portanti interamente in terra, riduce notevolmente l'uso di altri materiali naturali (per esempio il legno).

Resistenza al gelo
Le murature in blocchi hanno una buona resistenza al gelo. Inoltre la preformazione e la preessiccazione dei blocchi fanno sì che questi possano essere assemblati in tutte le stagioni senza temere i geli invernali.

Resistenza agli attacchi biologici
La resistenza dipende dalla compattezza e dalla omogeneità dei blocchi, nonché dall'assenza di inerti di tipo organico. Per questo è necessaria una grande attenzione nell'esecuzione affinché non siano lasciate cavità. Un ulteriore intervento di protezione è costituito dall'applicazione dell'intonaco.

Flessibilità
La flessibilità delle costruzioni in blocchi formati o colati è paragonabile a quella di una comune muratura in laterizio.

Aspetti progettuali
Gli edifici in blocchi formati presentano regole costruttive essenzialmente riconducibili a quelle degli edifici in blocchi compressi salvo il fatto che questi blocchi sono più leggeri e possono essere facilmente tagliati e sagomati in cantiere. Riguardo alle superfici il blocco formato deve essere preferibilmente protetto con intonaco traspirante (a base di terra per interni o a base di calce aerea).

Esempio di muratura esterna portante su telaio in legno
Le caratteristiche di tale muratura sono: buon accumulo, isolamento termico e regolazione dell'umidità. Il pannello isolante e l'intonaco devono essere molto permeabili al vapore. La struttura può essere a un solo montante principale. I mattoni, all'interno, possono restare a vista lasciando il colore dell'argilla o essere dipinti o intonacati. adobe2

 

Queste considerazioni sulla tecnica dell'adobe si basano su dati desunti dalla lettura del libro " Costruire con la terra" –  ed Sistemi Editoriali

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code