La Terra 10

I Metalli: caratteristiche

Rispetto agli altri materiali terrosi i metalli si manifestano con caratteristiche che rivelano una specie di attività interiore calda: il timbro, la lucentezza e la capacità di conduzione di calore ed elettricità sono prerogative dei metalli. I non metalli, o terre, come le pietre o il cristallo di rocca non hanno questa vitalità. Possono avere una trasparenza cristallina, diventano puri e chiari, come appunto il cristallo di rocca ma non vibrano di vita propria. Le loro forme pure sono finite e distanti.

Di fronte ai non metalli l’animo umano è portato a studiarne le forme rigide e matematiche, da secoli immutate. Di fronte ai metalli l’uomo si sente coinvolto dalla presenza di suoni e riflessi che rivelano la presenza di un fuoco interno, di una vitalità nascosta. Questa presenza stimola la curiosità e poi il desiderio di conoscere più a fondo la natura del metallo. Inizia così la meravigliosa irrequietezza del lavoro e della ricerca.

Perciò i metalli ebbero sempre un ruolo significativo nell’evoluzione dell’umanità. Intere epoche storiche furono designate con il nome del metallo che più veniva usato: “età del rame”, “età del bronzo”, “età del ferro” stanno ad indicare determinati periodi storici in cui l’uomo scopre le peculiarità di un dato metallo e se ne serve per costruire i suoi utensili, le sue armi, i suoi strumenti di vita quotidiana.

I metalli, infatti, possono venir lavorati e fusi, battuti e trafilati. I materiali terrosi sono invece immobili, non danno suono, non conducono e non si possono plasmare.

Per l’evoluzione umana i metalli stanno ai non metalli come l’anima umana che sente e canta sta alla muta realtà naturale esterna.

Per le loro tipiche caratteristiche i metalli si trovano disposti sempre in un determinato ordine: per quanto riguarda il suono, la lucentezza e la conducibilità di calore ed elettricità, troviamo l’argento al primo posto. Seguono il rame e il mercurio. L’argento perciò viene usato per fabbricare specchi ed è risaputo che le corde d’argento sugli strumenti musicali come nel pianoforte e nella cetra danno i toni più chiari e più limpidi.

Se guardiamo invece ai metalli che meno posseggono queste qualità allora troviamo in ordine il piombo, lo stagno e il ferro. Nel piombo il suono e la lucentezza sono quasi inesistenti mentre la conducibilità è talmente ridotta che si usa normalmente come isolante negli impianti elettrici e termici.

Fra questi due gruppi di metalli troviamo l’oro che possiede in modo equilibrato tutte le qualità degli altri sei metalli.

Anche dal punto di vista della lavorabilità i metalli si trovano nel medesimo ordine: argento e rame si forgiano con la massima facilità ma non si adattano alla fusione. Il piombo e lo stagno sono i più facili da fondere ma non si prestano ad essere forgiati.

Anche in questo caso l’oro si trova a metà strada fra questi due gruppi perchè può essere sia battuto che fuso. Ne dà testimonianza l’arte dell’oreficeria, nonchè la sottile arte della moderna odontotecnica.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code