Negli ultimi giorni "Il Sole-24Ore" ha pubblicato prima un appello firmato da esponenti della Comunità scientifica, poi un punto di vista di Emilio Gerelli nei quali si afferma che il ministro per le Politiche Agricole e Forestali ha deciso di bloccare la ricerca biotecnologica "promulgando direttive volte a far chiudere tutte le ricerche che utilizzano organismi geneticamente modificati (Ogm)".

Nei testi pubblicati dal giornale si invoca la "sacrosanta libertà di ricerca", che verrebbe lesa.

Leggi tutto >>


Il principio di precauzione

DEFINIZIONE ED ORIGINI
Episodi rilevanti di inquinamento ambientale e di danni alla salute verificatisi negli anni '70 e '80, dalla diossina di Seveso, agli effetti non previsti dei fitofarmaci, all'uso delle farine animali nei mangimi che hanno portato alla BSE, solo per citare qualche esempio, hanno messo in evidenza la necessità di prevenire nuovi episodi simili i cui effetti si sono dimostrati molto rilevanti e per giunta irreversibili. Inoltre sul piano giudiziario, di fronte a sostanze tossiche e cancerogene come l'amianto,

Leggi tutto >>


Dichiarazione di Vincenzo Vizioli, Presidente dell'Aiab sulle moratorie Ogm

La proposta dei commissari europei di accelerare le procedure per l'autorizzazione degli OGM è grave, e va contro quanto sottoscritto dalla stessa Unione Europea con il principio di precauzione. Ma ciò che più preoccupa gli agricoltori biologici è la miopia della classe dirigente europea che crede ancora che lo sviluppo agroalimentare continentale debba inseguire o sottostare al modello nord-americano.

Leggi tutto >>


Una favola postmoderna

L'uomo, da quando ha iniziato ad interagire con la natura, come coltivatore o allevatore ha modificato geneticamente le specie, sotto il suo dominio, per ottenerne un proprio vantaggio. La prima traccia storica la troviamo nella Bibbia che racconta come Abramo, avendo un contratto come pastore di un gregge non suo, sarebbe stato compensato con le pecore macchiate.

Con uno stratagemma, incanalando le pecore macchiate seguite da montoni maculati, quando si avvicinavano alla fonte d'acqua,

Leggi tutto >>


Ha suscitato molto interesse, ma anche scalpore, l'annuncio che un'azienda privata, la "Celera Genomics" di Craig Venter, abbia completato la mappatura del genoma umano, battendo sul tempo tutte le principali Università ed Enti Pubblici del mondo, riuniti attorno al progetto "Genoma Umano", ideato dal Premio Nobel Dulbecco già da vari anni.

Ma le attuali scoperte avranno per il momento ben pochi effetti positivi per l'uomo, sia perché non si conoscono ancora le funzioni di molti geni sequenziati,

Leggi tutto >>


Roma – Al manifesto, promosso dal Csa (Comitato Scientifico Antivivisezionista), in collaborazione con "Erba" e "Modus Vivendi", hanno già aderito, fra gli altri, Dario Fo, Umberto Eco, Dacia Maraini, Adriano Celentano, Beppe Grillo, Paolo Sylos Labini. Il Csa, rappresentante italiano della Ecobp (European Coalition On Biotechnology Patents), coalizione europea di 38 Ong, si batte da anni contro questa minaccia ed in particolare contro la direttiva Ce 98/44 che prevede la brevettabilità di geni, di parti del corpo e di interi organismi sia animali che vegetali,

Leggi tutto >>


Roma – Hartwig De Haen, uno dei principali esponenti della Fao (l'organismo dell'Onu che si interessa di alimentazione), ha recentemente dichiarato: "Tra i possibili effetti collaterali derivanti dal consumo di alimenti geneticamente modificati potrebbe esserci la trasmissione di allergie attraverso i geni…. Riconosciamo che ci sono rischi potenziali per la salute umana e per l'ambiente".

Leggi tutto >>


Da quando le industrie biotecnologiche hanno ottenuto l'autorizzazione a produrre organismi genetica-mente modificati (OGM) si è posto il problema della sicurezza per l'ambiente e per la salute della diffusione sia di OGM che di loro parti, ad esempio attraverso gli alimenti.

Per quanto riguarda gli aspetti più strettamente ambientali il problema è stato affrontato nel 1992 a Rio de Janerio, dove venne approvata la Convenzione sulla Biodiversità, che comprende una parte specifica dedicata alla Biosicurezza,

Leggi tutto >>


New York (Usa) – Jeremy Rifkin è un economista americano che ha scritto libri di successo, l'ultimo dei quali "il secondo biotech" sul problema delle biotecnologie.

Rifkin e la sua fondazione (Foundation on Economic Trends) si sono alleati con la National Farm Coalition americana ed altri agricoltori di tutto il mondo per avviare una denuncia all'Antitrust di 30 paesi contro le multinazionali che utilizzano le biotecnologie in agricoltura (Monsanto, DuPont, Novartis, Astra-Zeneca, Stoneville,

Leggi tutto >>


Gli Omg aiuteranno la risoluzione del problema della fame del mondo.

È falso. Anzi è vero il contrario. L'introduzione di sementi geneticamente modificate aumenterà la fame nel mondo. Naturalmente la fame di chi già ora patisce la sottonutrizione. Negli ultimi anni la Fao (organismo dell'Onu) ha ufficialmente dichiarato che il cibo prodotto nel mondo è sufficiente per sfamare l'umanità. La fame è un problema economico, non agricolo. Ciò significa che chi ha fame,

Leggi tutto >>


La battaglia sui transgenici

Non si esaurisce la lotta sugli Organismi Geneticamente Modificati. Il blocco dei paesi anglofoni (Usa, Gran Bretagna, Canada, Australia) preme per una liberalizzazione commerciale che si traduca nell'impossibilità di arginare i cibi transgenici, l'Europa sotto lo stimolo della Francia e dell'Italia, sembra volersi attestare su una posizione più cauta.

Non rendere identificabili i prodotti che contengono O.G.M. è funzionale agli interessi delle multinazionali che hanno, ormai, verificato come i consumatori non vogliono, che il cibo contenga,

Leggi tutto >>


La vita in vendita

In un prossimo futuro un nostro nipotino dovrà pagare il proprio corpo a una multinazionale, perché il suo corpo non è legalmente suo, in quanto contiene molecole geneticamente modificate e quindi brevettate e di proprietà della suddetta multinazionale. Padre e madre e multinazionale. Fantascienza? Già oggi, un'operazione simile, viene effettuata con il cibo proveniente da piante modificate geneticamente. La corsa, tecnico scientifica delle multinazionali, per ottenere pezzi di ricambio da maiali modificati con geni umani indica la strada del prossimo futuro.

Leggi tutto >>


Mangiare per salvarsi la vita

Non contenti dei lauti guadagni ottenuti con l'uso dissennato della chimica ora le multinazionali degli armamenti chimici, dei farmaci sintetici, dei semi ibridi, dell'industria alimentare cominciano ad invadere i mercati con cibi brevettati (ogm = organismi geneticamente modificati) per guadagnare, in modo indiscriminato, sulla fame. Giocando sull'ignoranza della maggior parte dei consumatori, l'insipienza dei governanti e l'incultura dei ricercatori scientifici l'operazione comincia a dare i suoi "mostri".

Leggi tutto >>