Asparagi

Il termine asparago o asparagio (dal greco aspharagos, che è dal persiano asparag, ossia germoglio) può designare sia l’intera pianta che i germogli della specie Asparagus officinalis L. L’asparago possiede particolari proprietĂ  diuretiche, viene apprezzato dai buongustai e ha alle spalle una storia millenaria.

Leggi tutto >>

Ingredienti: 10 asparagi verdi – un mazzetto di ravanelli – 150 g di cicorino – mezzo finocchio – succo di mezzo limone – olio – sale.

Preparazione: mondare gli asparagi dalla parte legnosa dei gambi, lavare ed affettare i ravanelli ed il finocchio, lavare il cicorino; condire il tutto con olio, sale ed una spruzzata di limone.

Leggi tutto >>

Ingredienti: 300 g di orzo perlato – 10 asparagi misti – 1 cipolla – 1 spicchio di aglio – olio – sale – curry – 900 ml di brodo vegetale – qualche pistillo di zafferano.

Preparazione: lavare l’orzo in acqua corrente, metterlo a cuocere con il brodo, al bollore aggiungere il sale e coprire, con fuoco al minimo, fino ad assorbimento del brodo.
Nel frattempo tritare la cipolla,

Leggi tutto >>

Ingredienti: 150 g di farina di ceci – 300 ml di acqua – 12 asparagi – olio – sale e paprika.

Preparazione: amalgamare la farina di ceci con l’acqua lentamente per non formare grumi, coprirla con un panno e farla riposare per almeno 3 ore. Mondare gli asparagi e cuocerli al vapore. Trascorso il tempo di posa dell’impasto, nel mescolarlo aggiungere l’olio, il sale, la paprika. Versare il composto in una teglia da forno,

Leggi tutto >>

Ingredienti per la frolla: 250 g di farina tipo “0”- 60 g di malto – 60 ml di olio di girasole – 70 ml di acqua tiepida – un pizzico di sale – buccia grattugiata di mezzo limone – 10 g di lievito al cremor tartaro.
Per la crema: 500 ml di latte di riso – 50 g di amido di mais – 90 g di zucchero di canna,

Leggi tutto >>

Azuki

Piccolo, buono e sano: queste sono le caratteristiche principali del fagiolo azuky.
In giapponese significa “Piccolo Fagiolo”, mentre il nome scientifico è Vigna angularis. La sua sua pianta appartiene alla famiglia delle Fabacee; è diffusa principalmente nelle zone dell’Asia Orientale ed è da sempre alimento principale dei popoli cinesi, giapponesi e anche delle regioni himalaiane.

Leggi tutto >>

Ingredienti: 200 g di azuki rossi – 150 g di cavolo cappuccio – 2 carote – 200 g – di patate – 1 finocchio – 10 g di zenzero fresco – 1 scalogno – 1 c di coriandolo – 1 c di curcuma – 6 g di sale grosso – 2 C di olio – 2 cm di alga kombu – 1,5 L di acqua.

Preparazione: mettere in ammollo 8-12 ore prima gli azuki,

Leggi tutto >>

Ingredienti: 200 g di azuki – 180 g di tofu – 5 foglie di salvia – ½ cipolla – sale – pane grattugiato – una foglia di alloro – 2 cm di alga kombu.

Preparazione: mettere in ammollo per 8-12 ore gli azuki. Dopo questo tempo cuocere con un pezzetto di alga e una foglia di alloro per 45 minuti. Una volta cotti e intiepiditi mettere nel frullatore con la cipolla,

Leggi tutto >>

Ingredienti: 500 g di bieta costa – 300 ml di bevanda di soia – 2 C di farina tipo 1 – 2 C di olio – sale – curcuma.

Preparazione: pulire, lavare e cuocere in acqua salata la bieta costa. Scolare e mettere ad asciugare su un canovaccio la bieta, disporla in un unico strato in una teglia da forno, coprirla con la besciamella, versare un filo di olio e un pizzico di gomasio.

Leggi tutto >>

Dolce albero

Ingredienti: 4 uova – 60 g di zucchero – 40 g di olio di girasole – 50 ml di bevanda di riso – 60 g di farina tipo 0 – 2 c di lievito.

Preparazione: dividere i rossi dagli albumi. Montare gli albumi con 40 grammi di zucchero, unirli ai tuorli precedentemente sbattuti con 20 grammi di zucchero, poi aggiungere l’olio, la bevanda di riso, la farina,

Leggi tutto >>

Agretto

La salsola soda (detta anche riscolo, barba di frate, barba del Negus o agretto) è una pianta appartenente alla famiglia Chenopodiaceae (assegnata alle Amaranthaceae dalla classificazione APG). È una specie di piccole dimensioni, annuale, e possiede foglie e fusto succulenti.

Leggi tutto >>

Carciofo

Originario del Medioriente, il carciofo ha costituito fin dall’antichità un prodotto importante per i fitoterapisti Egizi e Greci, ma pare che altrettanto antico sia il suo uso in cucina. Già nel IV secolo a.C. era coltivato dagli arabi che lo chiamavano Kharshafâ da cui l’attuale nome.

Leggi tutto >>

Il sedano rapa

Il sedano rapa, chiamato anche “sedano di Verona”, è una varietà botanica particolare del sedano. Questa varietà di sedano, definita “ortaggio da radice” perché quella è la sua parte edibile, si distingue proprio per la radice grossa, arrotondata e nodosa, la buccia grinzosa e la polpa di colore bianco.

Leggi tutto >>