Perfetta Solitudine

Scende lenta la sera su questa baia
spazzata dal vento.
Ogni pensiero e desiderio, come le foglie,
dai rami è ripulito,
filtrato, asciugato.
Ogni parola diviene silenzio.
Ogni sibilo e canto si spegne.
Un ultimo gracchiare di corvo
e sul muretto il veloce saltello del pettirosso.
Poi più nulla.
Nasce da dentro l’anelito d’un caldo luogo,
dove trovar riparo da questa solitudine,
da questa rassegnata tristezza
che la sera conduce.
E di notte in notte
al mistero m’introduce,
della vita.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *