Scarsità e abbondanza

Da un anno e mezzo scrivo degli articoli per questa rivista e ho dato qualche piccolo aiuto all’associazione come potevo. Sono quindi molto felice di avere l’opportunità di esprimere per la prima volta il mio punto di vista.
Mi perdonerete spero se ho parlato in modo personale, ma il messaggio che ho colto da questa esperienza e di cui vorrei parlare in questo spazio è in realtà molto più vasto.

La rivista contiene molti articoli e notizie, ma in un periodo come questo, segnato dalla mancanza di tempo, non sempre è possibile darle il giusto peso. Pressati dal lavoro e da altre mille incombenze corriamo molto, ci organizziamo poco, vediamo sempre meno sbocchi e per la paura corriamo ancor di più. Scarsità di tempo causata da mancanza di…?

La promessa implicita dal dopoguerra in poi era quella di una crescita infinita: seguendo le regole e dandoci molto da fare avremo conquistato un benessere sempre maggiore, ma stiamo facendo sforzi più intensi di quelli fatti dai nostri genitori e la torta sta diventando sempre più piccola.

Siamo molto impegnati, soprattutto nel lavoro. Spesso ci sentiamo obbligati ad accettare di lavorare più del dovuto, siamo spinti a farlo perché probabilmente abbiamo la percezione che i posti disponibili siano pochi e che ci sia una fila di persone che ci potrebbero subito sostituire, ma non è solo questo. Per mancanza di tempo, o per l’eccessiva complessità di alcune procedure, dobbiamo delegare ad altri molte mansioni, dobbiamo correre perfino per divertirci, per fare sport, per vivere… Scarsità di tempo.

Vogliamo ricevere risposte istantanee a tutte le nostre richieste, non importa se poi inneschiamo una catena di pretese che ricade anche su di noi. Avere dei potenti mezzi di comunicazione: il computer, lo smartphone, la rete, avrebbe almeno dovuto facilitarci, invece ora ci troviamo ad essere reperibili anche fuori dal lavoro. Doppia scarsità di tempo.

Fino a una ventina di anni fa, con la mia famiglia si passava al negozio di alimentari vicino a casa per comprare pane e il “fresco”. In dieci minuti si faceva la spesa, due chiacchiere e anche una passeggiata. Ora? Abbiamo a disposizione supermercati aperti fino a tardi la sera, ma il risultato qual è? Si passeggia ancora, questo sì, perché per arrivare al supermercato dobbiamo attraversare tutto il centro commerciale… In un’ora, un’ora e mezza, oltre la spesa necessaria si torna a casa con: due paia di jeans, un tostapane, un nuovo gestore telefonico… Offerta! Certo è però, che una volta non avremmo potuto soddisfare una voglia improvvisa di maracuja, o perché no, di una manciata di lamponi “freschi” in pieno inverno… Anche questa è abbondanza.

Perché quindi continuiamo a svolgere attività in cui spesso non crediamo, che sappiamo essere dannose per l’uomo e per l’ambiente, pagate male, con diritti sempre più scarsi rimandando di occuparci di ciò che riteniamo davvero importante? Perché la sensazione di non avere possibili alternative ci fa accettare anche cattive condizioni. Anche questa è scarsità.

La scarsità indotta è molto utile a farci produrre di più. Poco male se poi questo “di più” non ci serve davvero, anzi è un “di più” che produce solo problemi ambientali e di salute. Questa non è abbondanza.

Questi esempi perché credo che i concetti di scarsità e abbondanza abbiano un fondo di relatività e possano dunque essere manipolati.

Ciò che ho potuto vedere contribuendo nel mio piccolo ad un progetto comune è che non sarà un obbligo o un contratto che ci renderà più ricchi, nelle pagine a seguire ne possiamo vedere un esempio. Tante informazioni, tanti articoli creati da persone impegnate a collaborare senza ricevere un compenso e senza che glielo imponga un contratto. Collaborano solo perché hanno fiducia nella visione differente che hanno e che vogliono diffondere. La fiducia ritorna sempre, le persone la vedono da fuori e la riconoscono subito.

Strano che sia possibile tutto questo “lavoro gratuito” in un’epoca di scarsità di tempo, non trovate? Forse è davvero un velo quello che abbiamo davanti agli occhi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *