Azuki - Biolcalenda di dicembre 2020

Azuki

Piccolo, buono e sano: queste sono le caratteristiche principali del fagiolo azuky.
In giapponese significa “Piccolo Fagiolo”, mentre il nome scientifico è Vigna angularis. La sua sua pianta appartiene alla famiglia delle Fabacee; è diffusa principalmente nelle zone dell’Asia Orientale ed è da sempre alimento principale dei popoli cinesi, giapponesi e anche delle regioni himalaiane.
Questo antico legume è considerato il “Re dei Fagioli” per i suoi numerosi elementi nutrizionali e salutari, dall’aspetto piccolo simile alla soia e di colore rosso intenso (denominato anche Soia Rossa).
Sono ricchi di minerali e oligoelementi, soprattutto zinco, potassio e molibdeno. Contengono inoltre acido folico e vitamine B1, B2, B3, preziose per il benessere di tutto l’organismo e in particolare del sistema nervoso. Sono fonte di fibre e di proteine vegetali e contengono pochissimi grassi.

I fagioli rossi sono ottimi per depurare il fegato, grazie alla presenza del molibdeno, un oligoelemento che concorre alla formazione del solfito ossidasi, uno dei principali enzimi del fegato. Rispetto ai fagioli bianchi e agli altri legumi, sono più digeribili. Inoltre, contengono isoflavonoidi e fitoestrogeni, importanti per la salute del cervello e delle ossa. Essendo fonte di proteine, sali minerali e vitamine, i fagioli rossi azuki sono particolarmente consigliati a chi segue una dieta vegana o vegetariana, per sostituire la carne.

Questo piccolo legume contiene pochissimi grassi, ma soprattutto pochissimi zuccheri, rendendolo un alimento consumabile anche per persone che devono tener controllato il proprio indice glicemico. È indicato anche per chi possiede una forte mancanza di ferro, ed è utile per depurare fegato e reni, grazie alle sue proprietà diuretiche.
Grazie all’alto tasso di isoflavoni, il fagiolo Azuki è utile per aumentare le difese immunitarie e per mantenere buono lo stato di salute del sistema nervoso.
Inoltre, questo fantastico legume non contiene glutine, e quindi può essere consumato anche per chi deve seguire un’alimentazione celiaca.

Per cucinare i fagioli azuki è necessario innanzitutto metterli in ammollo per almeno 6-8 ore, come si fa con tutti i legumi secchi. Secondo la tradizione giapponese, nell’acqua dovrebbe essere messo anche un pezzetto di alga kombu.

Dopo l’ammollo, vanno cotti per circa mezz’ora in acqua bollente non salata, meglio se insieme all’alga kombu. Una volta cotti, possono essere usati per preparare zuppe, insalate, polpette e burger vegetariani, oppure per condire pasta, riso e cereali.

Le ricette

Zuppa di azuki rossi - Biolcalenda dicembre 2020

Zuppa di azuki rossi
Biolcalenda di dicembre 2020

Polpette di azuki rossi - Biolcalenda dicembre 2020

Polpette di azuki rossi
Biolcalenda di dicembre 2020

Bieta costa al forno - Biolcalenda dicembre 2020

Bieta costa al forno
Biolcalenda di dicembre 2020

Dolce albero - Biolcalenda dicembre 2020

Dolce albero
Biolcalenda di dicembre 2020


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *