Iride e rene 1

Il Rene è, come dice la Medicina Cinese, l'organo dell' energia ancestrale, cioè dell'energia «originaria» che permette la vita dell'organismo. I reni sono anche il simbolo sia della potenza procreatrice, sia della capacità di resistenza dell'organismo (si dice, infatti, «forte di reni»).

In effetti la funzione dell'apparato renale è quella di mantenere la vita separando continuamente le scorie dalla parte buona dell'organismo, le «acque pesanti e sporche» da quelle pulite e leggere. L'acqua è in tutti i miti «il grembo primordiale della vita» che tutto può generare (o distruggere).

Così notturna, da un punto di vista psicologico, è simbolo di un femminile inconscio e terrifico che minaccia di prevalere o ancora prevale sullo sviluppo cosciente. Per la medicina cinese l'acqua rappresenta e garantisce il funzionamento dei reni.

La Luna è uno dei simboli più antichi dell'umanità, rappresenta l'archetipo femminile materno per eccellenza, la Madre cosmica. La sua qualità fondamentale è la ricettività: la luna, pianeta satellite, riflette la luce del sole, simbolo del femminile nella sua accezione notturna, oscura, e quindi psicologicamente parlando, inconscia.

Una parte di essa rimane invisibile. In questo aspetto simboleggia il mistero dell'anima, il segreto processo della gestazione, tutto quello che è nascosto. La Luna è collegata ai ritmi biologici, all'acqua, alle maree, ai cicli femminili, al passaggio dalla vita alla morte. Vedremo come anche nella tradizione Indiana dei chakra * reni, acqua e luna sono strettamente associati.

Se l'energia del Rene, che separa il «sé» dal «non sé», cessa, l'individuo muore. Se il rene funziona poco e male, la forza e l'energia dell'individuo sono scarse. Anche il surrene racchiude un'energia capace di conservare la vita, sia attraverso l'ormone legato alla sua porzione midollare, cioè l'adrenalina, che entra in gioco nelle reazioni di difesa, sia attraverso gli ormoni legati alla sua porzione corticale, che pure partecipano a mantenere l'omeostasi dell'organismo anche sostenendo l'attività renale.

Esaminando l'apparato renale e quello genitale si coglie l'analogia delle loro funzioni: «energia vitale in movimento», che genera la vita, le individualità, attraverso l'unione (o la separazione) di polarità. Può ciononostante stupire la collocazione topografica su piani diversi di questi due apparati. Basta, però, ricordare che lo sviluppo delle vie uro-genitali ha un denominatore comune, se lo si esamina nel corso della vita embrionale.

Entrambi gli apparati derivano, infatti, dai dotti  del cordone uro-genitale e hanno inizialmente una analoga collocazione topografica. Solo successivamente, dal 3° mese in poi, le gonadi migreranno per raggiungere la loro collocazione definitiva, insieme agli apparati genitali maschile o femminile, che nel frattempo si sono pure differenziati.

Non è difficile comprendere perché  il Rene gestisce le funzioni sessuali legate alla sessualità in genere ed alla riproduzione nello specifico. Molte disfunzioni sessuali (impotenza, frigidità, ipersessualità) e molte disfunzioni riproduttive e gestazionali (infertilità, aborto abituale, minaccia d'aborto), possono essere ricondotte ad alterazioni funzionali del Rene.

Il Rene è dunque l'organo nel quale risiede il messaggio primordiale, l'essenza stessa della vita ed il messaggio umano di appartenenza alla razza ed alla specie umana, depositario del messaggio genitoriale, quindi provvede a far si che il prodotto del concepimento disponga del messaggio ereditario emanato dai genitori.

Radice dello YIN e dello YANG, è responsabile della riproduzione, della nascita e della crescita dell'individuo ed è strettamente correlato alla sua salute ed alla sua morte.

Patrocina le ossa e i midolli, si manifesta nei capelli e si apre all'orecchio.

E' strettamente relazionato alla Vescica.

Il canale energetico del Rene nasce dalla pianta del piede e giunge alla radice della lingua dopo avere percorso l'arto inferiore, l'addome e il torace.

Essendo la radice dello YIN e dello YANG individuale, è anche radice dello YIN e dello YANG di ogni singolo organo e viscere e disfunzioni del Rene si ripercuotono a carico di tutto il corpo.

Il Rene è responsabile della salute del tessuto osseo e dei midolli (osseo, spinale e cervello) e ciò è così vero che in corso di insufficienza renale, le ossa del paziente ricevono alterazioni di varia gravità e la produzione di sangue è fortemente invalidata.

Il Rene è anche responsabile della solidità ed efficienza della regione lombare e di tutte le articolazioni in generale.

E' assai frequente quando l'energia renale molto provata,  si soffra di mal di schiena e di dolori articolari.

Il Rene si apre all'orecchio che, attraverso l'energia renale è in grado di percepire i suoni. E' possibile osservare che gli anziani perdono, rapidamente e consistentemente, la capacità uditiva. Si manifesta ai capelli i quali possono crescere se l'energia renale è sufficiente.  Dal punto di vista patologico, il Rene soffre per la perdita di energia, per la scarsità di riposo e per la eccessiva attività sessuale. L'acqua è indispensabile per la buona funzionalità del rene: molte diete consigliano  almeno un litro e mezzo d'acqua al giorno.

Il Rene soffre in presenza di eccessivo Sapore Salato e Amaro mentre viene aiutato dal Sapore Acido e Piccante.

In genere il disequilibrio renale si manifesta con la lombalgia; le malattie, alla cui base vi sia una alterazione funzionale del Rene, spesso  sono contraddistinte da cronicità.

* La parola "chakra" deriva dal sanscrito e significa ruota o vortice. Per chakra  si intendono centri energetici e di consapevolezza che si trovano nel corpo umano indicati anche come vortici energetici o centri di forza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code