Cucina istriana

Cucina istriana

L’Istria √® sempre stata una terra, anche dopo la scomparsa della Jugoslavia, in cui hanno convissuto diverse popolazioni (sloveni, italiani, croati, ecc.), si sono parlate diverse lingue, ma la cucina era ed √® molto simile a quella di due nostre regioni: il Friuli Venezia Giulia ed il Veneto.

Si tratta di una cucina che si potrebbe definire regionale (rispetto alla Croazia), che certamente ha subito influenze austroungariche e slave (soprattutto nei dolci), ma potrebbe essere scambiata per quella di una regione italiana. Questo soprattutto in primavera, quando l’uso delle erbe selvatiche (asparagi e cicorie selvatici, carletti, bruscandoli, erba cipollina, ecc.) riempiono le insalatiere o finiscono in gustose frittate o risotti.

La raccolta degli asparagi selvatici, rappresenta una vera tradizione e anche ormai un vero e proprio itinerario gastronomico e una attivit√† anche da reddito. Non dimentichiamo anche alcuni ortaggi primaverili, di cui l’Istria vanta variet√† locali di qualit√†, come i carciofi violetti simili al “violetto di Sant’Erasmo”, gli asparagi verdi coltivati e le fave. Soprattutto dopo il termine delle guerre, negli anni ’90 e la ritrovata autonomia politico/culturale, in Istria, l’attivit√† turistica, col recupero di vecchi casali, terrazzamenti, antichi mulini e frantoi, la valorizzazione dei prodotti agricoli locali, il recupero paesistico di intere aree abbandonate, hanno riportato molti giovani al lavoro agricolo.

La valorizzazione dei vini, famosi fin dall’antichit√†, soprattutto il terrano, la malvasia e il moscato, dell’ottimo olio extravergine di oliva da variet√† locali di olive, la produzione di squisiti formaggi e la scoperta del valore qualitativo del tartufo istriano, usato fresco, ma anche conservato, rappresentano oggi l’eccellenza gastronomica istriana e una buona fonte di reddito.*

 

Ricette

Fusi agli asparagi Insalata di primavera H109& Fusi agli asparagi
Potizza ai semi di papavero (per 8/10 persone) Carciofi ripieni H109& Potizza ai semi di papavero (per 8/10 persone)

*Nel numero di Biolcalenda di maggio 2013 “I Balcani: un ponte fra occidente e oriente europeo”, si possono trovare ricette del resto dei paesi della ex Jugoslavia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *