Non è mai troppo presto

Su certe questioni occorre smentire il famoso motto (“Non è mai troppo tardi”) del rimpianto maestro Manzi.
Per chi è giovane, ricordo che il maestro Manzi era la colonna della omonima trasmissione televisiva che, negli anni tra il 1959 e il 1968 insegnò a leggere e a scrivere ai moltissimi italiani analfabeti.

Aveva ragione il mitico maestro: per imparare non è veramente mai troppo tardi. Al contrario, per evitare l’eccessiva consuetudine con alimenti a dir poco problematici come lo zucchero e le bevande zuccherate non è mai troppo presto.
Non vale la troppo diffusa convinzione che “Sì, lo zucchero fa male agli adulti, magari sovrappeso e diabetici, ma che cosa vuoi che faccia ai bambini…”.

Una indagine australiana condotta dall’Istituto di ricerca medica dell’Università di Sydney su oltre 2.000 bambini di 12 anni ha evidenziato che un consumo elevato di carboidrati e una dieta ad alto indice glicemico espongono i bambini allo sviluppo di disfunzioni nei vasi sanguigni di piccolo calibro della retina, premessa di un futuro rischio cardiovascolare.
I ricercatori hanno notato che nei bambini che consumavano uno o più bevande zuccherate al giorno le arteriole della retina erano mediamente più ristrette rispetto a bambini che ne bevevano di meno. Tali alterazioni, spiegano gli autori, non hanno effetti sulla vista, ma rappresentano una disfunzione microvascolare che si è dimostrata essere un marcatore di futuro rischio cardiovascolare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.