La Terra 08

La terra come Testimonianza

Per “Terra” si intende tutto ci√≤ che √® allo stato solido, quindi la materia dura, in tutte le sue forme, √® definita Terra.  La materia dura si oppone all’azione dell’uomo ma, quando l’uomo riesce a modificarla, essa mantiene nel tempo la memoria di quell’azione permettendo cos√¨ all’uomo di raccontare la sua storia e di tramandarla nei secoli e nei millenni.

Nella terra solida elaborata dalla creativit√† dell’uomo ci sono le testimonianze della sua evoluzione dalle origini ai nostri tempi. Ma non solo l’uomo racconta la sua storia ma tutta la natura nei processi di fossilizzazione o cristallizzazione rende visibile attraverso l’elemento solido i vari stadi di evoluzione di piante e animali.

La terra è il libro scritto dove gli uomini, nelle varie epoche, hanno raccontato usi e costumi, caratteristici del loro tempo e dove la natura ha fissato forme e caratteristiche delle sue creature.

L’uomo, per vivere, si √® servito e si serve di tutti e quattro gli Elementi ma solo nella terra dura pu√≤ lasciare traccia del suo cammino. Dalle pi√Ļ antiche incisioni sulla roccia, alle tavolette di pietra, ai geroglifici egiziani, alla costruzione di monumenti o edifici ma anche alla costruzione di tutta una serie di oggetti o utensili che gli servono per lavorare o per difendersi o per proteggersi.

L’uomo, alle origini ha usato la materia allo stato grezzo naturale, ma nel tempo ha imparato ad elaborarla: con l’aiuto degli altri tre elementi, acqua, aria, fuoco √® riuscito a trarre da essa dei nuovi materiali. Di questi i pi√Ļ importanti sono i metalli.

Il metallo nasce dal fuoco e dalla terra, dal fuoco mantenuto nel suo eccesso, immaginato nella sua furia. Come dicevano tanti vecchi libri il metallo √® “il figlio primogenito della terra” e della terra esso ne incarna la solidit√† e la freddezza.

Per quanto i metalli siano diversi nella sostanza, per quanto differenti per peso, colore e sonorit√† essi offrono tuttavia un’immagine generica della materia: l’immagine precisa, chiara, immediata dell’ “esistenza metallica”. E’ un’esistenza fredda, dura, pesante ma √® sempre un’esistenza il cui divenire √® molto lento. E’ un’esistenza che si pu√≤ immaginare come il segno di una vita particolare, come il destino del regno minerale.

Per gli alchimisti in natura si considerano tre regni: il regno minerale, il vegetale e quello animale. Ognuno di questi regni ha i suoi tempi o ritmi. Il tempo del regno animale è la vita quotidiana, il tempo del regno vegetale è la vita annuale. Per il regno minerale la vita si conta in millenni.

Un minerale sottratto alla miniera e portato in superfice pu√≤ apparire inerte e freddo. Ma diversa √® la percezione dello stesso all’interno della miniera, nel cuore della miniera. Secondo alcuni la miniera non √® un elemento statico ed inerte ma vive di vita propria. Le sue radici affondano nel centro della terra da cui traggono alimento e le sue propaggini si sviluppano negli strati profondi della crosta terrestre assumendo la forma di un grande albero. Il tronco di quest’albero √® costituito dal filone principale della miniera.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code