Insonnia e ipertensione arteriosa

Dormire sistematicamente meno di sei ore per notte aumenta il rischio di ipertensione.

E' stato dimostrato (in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Hypertension online del 3 aprile 2006) che la privazione del sonno in soggetti sani aumenta rapidamente la pressione arteriosa e l'attività del sistema nervoso simpatico (quella parte del sistema nervoso autonomo che lavora molto durante le condizioni di stress). La scarsità di sonno per periodi prolungati potrebbe portare (mediante il mantenimento della pressione arteriosa elevata durante le 24 ore, l'aumento della frequenza cardiaca, l'elevata attività del sistema nervoso simpatico e l'aumento della ritenzione di sali) a modificazioni nella struttura dei vasi sanguigni arteriosi e all'abitudine per il sistema cardiovascolare a lavorare con un regime pressorio elevato. Si capisce bene come tutto questo possa favorire nel tempo la degenerazione arteriosclerotica dei vasi sanguigni e la dilatazione del muscolo cardiaco. L'aumento della quantità e della qualità del sonno potrebbe dunque essere un trattamento e una misura preventiva di primaria importanza per l'ipertensione.

COME AIUTARE UNA PERSONA CHE DORME POCO?

È importante offrire un aiuto efficace a chi non riesce a riposare bene, anche perché una persona che dorme poco è spesso irritabile, impaziente, pessimista e frequentemente dice di essere stanca e stressata. Si trova quindi in una condizione che rende di fatto difficile curare giornalmente il proprio benessere come, ad esempio, adottando una dieta adeguata o praticando regolarmente una po' di attività fisica. Chi dorme poco o male non riesce, per motivi evidenti, ad avere quella continuità necessaria che rende queste semplici abitudini effettivamente vantaggiose per la propria persona.

A questo proposito, alcune piante e un minerale sono di grande aiuto:

Il biancospino riduce la pressione arteriosa, regola il battito cardiaco e riduce lo stress.

La melissa è la pianta antistress per eccellenza. Favorisce la distensione e la serenità e migliora i disturbi della digestione, specialmente se causati dall'alterazione dello stato emotivo.

La passiflora ha eccellenti proprietà sedative ed è utilissima nei disturbi del sonno, specialmente se accompagnati da ansia e palpitazioni cardiache.

Il magnesio migliora il tono dell'umore e combatte lo stress.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *