L’Acqua 04

La forma a Vortice

Fra le varie configurazioni che può assumere l’acqua nei suoi continui movimenti, una molto particolare è la formazione a vortice.

Il vortice si genera in presenza di flussi d’acqua che scorrono a velocità diverse. Ad esempio nel corso di un fiume o di un torrente l’acqua che scorre al centro ha una velocità maggiore di quella che scorre lungo le sponde, anzi in certi punti l’acqua vicino alle sponde ritorna indietro ed esegue un movimento rotatorio che la riporta poi nel flusso principale.

Leggi tutto >>


L’Acqua 03

La forma delle Onde

Nei numeri precedenti avevamo descritto come l’acqua, per sua natura, ha la tendenza a chiudersi a sfera o a cerchio, e come, dal contrasto con la forza di gravità, essa si dispone a fare dei percorsi ad anse come si può notare in tutti i corsi d’acqua.

Avevamo pure visto che questo percorso ad anse, provoca un avvitamento del flusso d’acqua che passa da una sponda all’altra e in questo avvitamento si creano tanti flussi separati che scorrono gli uni sugli altri.

Leggi tutto >>


L’Acqua 02

La forma a Sfera

L’acqua, per sua natura, ha la tendenza a chiudersi a sfera, in ciò riproducendo la forma sferica del cosmo.In questo suo desiderio è contrastata dalla forza di gravità che la obbliga a muoversi secondo le leggi della gravità.

Fra queste due tendenze l’acqua esegue tutta una serie di movimenti che la portano ad assumere delle forme ben precise; forme che si possono trovare come riprodotte nei vari aspetti del mondo organico ed inorganico.

Leggi tutto >>


L’Acqua 01

I quattro elementi

Secondo una certa visione del mondo l’evoluzione è proceduta per quattro stadi successivi che corrispondono ai quattro elementi della filosofia greca. La Terra, sarebbe il risultato di una manifestazione primordiale che, partendo da un corpo di calore e passando per successive condensazioni, avrebbe prodotto la terra solida su cui noi viviamo attualmente.

La prima condensazione avrebbe trasformato il corpo di calore in corpo di aria, la seconda in corpo di acqua e la terza in corpo solido.

Leggi tutto >>


La Terra 29

Conclusioni

Parlando dell’elemento Terra, eravamo partiti dalla particella più piccola, dall’atomo. Quell’atomo che, secondo le teorie evoluzionistiche, si aggrega casualmente e va a formare tutte le varie manifestazioni della materia. Dopo un lungo percorso in cui abbiamo cercato di descrivere alcuni aspetti dell’elemento Terra, ci siamo ritrovati ancora con l’atomo che si libera e si predispone ad altre aggregazioni.

Leggi tutto >>


La Terra 28

Le Forze della Terra

Gli elementi sono quattro, Fuoco, Aria, Acqua, Terra. La loro enunciazione risale ai tempi di Aristotele. Per il grande filosofo greco, gli elementi sono dei luoghi, degli ambiti in cui si possono manifestare determinate forze. In ogni elemento si manifestano due forze che sono fra loro contrapposte e che sono state definite come eteri e forze fisiche.

Leggi tutto >>


La Terra 27

Le Perle

Nella descrizione dei quattro elementi abbiamo considerato la terra come espressione dell’aspetto solido della manifestazione. Tutto ciò che è solido, duro, impenetrabile si può considerare terra. 

Abbiamo visto anche la funzione che questo elemento ha per l’evoluzione dell’uomo. Nel confronto con la materia dura l’uomo ha potuto sviluppare la fantasia, l’intelligenza, la forza di volontà e sopratutto ha potuto prendere coscienza di se stesso in opposizione al mondo.

Leggi tutto >>


La Terra 26

I Cristalli

Oltre alle qualità oggettive che rendono preziosi i cristalli, ci sono anche delle qualità soggettive o dei poteri che sono stati attribuiti ai cristalli nel corso dei secoli.

Nella bellezza rara e profonda di un cristallo, nella sua solidità e purezza, gli uomini hanno proiettato i loro bisogni di trascendenza, sicurezza, affermazione, potenza. E’ compito delle pietre preziose esaudire tutti i desideri che l’uomo vorrebbe che si realizzassero: la salute,

Leggi tutto >>


La Terra 25

I Cristalli

Bellezza, purezza, durezza, rarità sono le qualità principali dei cristalli.

Sono qualità che hanno stimolato l’immaginazione di poeti e scrittori che nelle loro opere hanno fatto largo uso di questi materiali per descrivere le situazioni più varie. La contemplazione e l’ammirazione per le stupende forme cristalline ha prodotto una grandissima varietà di immagini che coinvolgono e comprendono tutti e quattro gli elementi. Il fuoco, l’aria, l’acqua vengono a sognare nella pietra cristallina.

Leggi tutto >>


La Terra 24

I Cristalli

Diamante, smeraldo, zaffiro, rubino. Con queste gemme, ed altre meno preziose, si sono realizzati tesori di arte sacra, splendidi gioielli, corone e paramenti di re e regine. I principali musei del mondo traboccano di queste opere il cui valore era proporzionale all’importanza e al potere dei personaggi che tali opere ordinavano per rivestire se stessi o per dare lustro alla propria stirpe. Gemme, quindi, come ornamento personale o simbolo di potere.

Leggi tutto >>


La Terra 23

I Cristalli

I cristalli dunque si classificano in base alla durezza (scala di Mohs) ma anche in base alla bellezza e alla rarità. Diamante, rubino, zaffiro, smeraldo, hanno tutte e tre queste qualità e quindi sono considerate vere gemme o pietre preziose. Il cristallo di rocca o quarzo ialino, pur essendo ai vertici della scala di Mohs per quanto riguarda la durezza – si trova al settimo posto dopo le quattro gemme su menzionate –

Leggi tutto >>


La Terra 22

I Cristalli

Benvenuto Cellini aveva classificato i cristalli in base ai due parametri della durezza e della bellezza e aveva posto ai vertici di questa classifica il diamante, il rubino, lo zaffiro e lo smeraldo.

Un’altro mineralista, l’austriaco Mohs, propose nel primo ottocento un’altra scala di classificazione basata soltanto sulla durezza. Secondo questa scala, chiamata appunto di Mosh, i vari minerali che compongono i cristalli sono compresi da 1 a 10 e vanno dal più fragile,

Leggi tutto >>


La Terra 21

I Cristalli

I cristalli si definiscono anche pietre preziose o gemme. Ciò che li contraddistingue sono due proprietà oggettive: la durezza e la resistenza chimica. La durezza è una proprietà fondamentale per un cristallo: ne garantisce il mantenimento della forma anche in presenza di urti o abrasioni. La resistenza chimica impedisce al cristallo una lenta dissoluzione a causa degli agenti ambientali. Ambedue le proprietà mantengono inalterato nel tempo il valore del cristallo.

Leggi tutto >>


La Terra 20

I Cristalli

Cristallo deriva dal greco “cryos” che significa ghiaccio. Gli antichi greci trovavano il cristallo nelle più alte vette dell’Olimpo e dell’Epiro e, data la sua perfetta limpidezza, pensavano che fosse ghiaccio, un ghiaccio particolare, così profondamente ghiacciato da non sciogliersi mai. Il cristallo a cui si riferivano i greci era il quarzo, nella sua varietà cristallo di rocca, e così, per autonomasia, tutte le pietre preziose furono chiamate cristalli.

Leggi tutto >>